Storia di un cane e di un uomo – 4. Tutti in montagna!

Il mese successivo andammo in montagna – nella mia amata Val Venosta – per una breve vacanza. Eravamo nel 2003, l’anno più caldo a memoria d’uomo: 120 giorni senza pioggia dal 1° maggio al 31 agosto, a Verona 65 giorni con temperature sopra i 35° gradi.san-valentino-in-val-venosta-in-estate

Appena si poteva, dunque si evadeva dalla città. E in quel periodo i miei genitori erano in vacanza proprio a San Valentino alla Muta, paesino sulle sponde dell’omonimo laghetto, in alta Val Venosta. Proprio dieci chilometri più a monte di Malles, dove avevo prestato il servizio militare più di 15 anni prima. Continua a leggere

Tre mesi senza te, Birba

Oggi sono tre mesi da quando te ne sei andata. Tre mesi che ho vissuto male, molto male. Sapevo che mi saresti mancata, ma non immaginavo quanto.

3 marzo
Il 3 marzo 2017

Sono stati tre mesi in cui la mia vita è sprofondata in una dimensione di apatia, dalla quale faccio fatica a riprendermi. Non c’è stato giorno in cui non ti ho pensata, rivisto le foto con gli occhi e rivissuto i ricordi con il cuore.

Tutto parla di te, in questa casa, in questa città. Tre mesi fa ti ho liberata dal dolore che provavi, dalla mancanza di voglia di vivere che ti aveva preso.  Continua a leggere

La legge elettorale approda in aula. Perché viene così criticata dalla stampa?

Oggi alle 12.00 la Camera dei Deputati

t_600x400montecitorio
Montecitorio, sede della Camera dei Deputati

inizierà a valutare la legge elettorale (relatore Fiano) approvata dalla Commissione Affari costituzionali. La legge – ispirata al modelle tedesco, ma poi sostanzialmente adattata) è in sintesi di tipo proporzionale con soglia di sbarramento al 5%. Riassumiamola brevemente: Continua a leggere

Il mio Tirano – Ricordi di un alpino – 7. I “richiamati”

La notizia arrivò quasi di soppiatto: al battaglione sarebbero arrivati degli ufficiali di complemento al loro richiamo dopo il servizio di prima nomina.207253_616801_dfgdfghdfg_11148435_cougar_image Era consuetudine allora che alcuni ufficiali venissero richiamati per un periodo di aggiornamento di circa un mese. Al Tirano ne arrivarono una dozzina. Tutti al primo richiamo, tranne uno, che aveva infatti i gradi di capitano, alla seconda esperienza. Erano ufficiali di complemento che avevano svolto il servizio di prima nomina una decina di anni addietro. Sfoggiavano divise nuove, ma ciò li faceva sembrare molto simili a reclute imberbi al primo impatto con la vita militare. Continua a leggere

Andrea de Manincor

Abbiamo incontrato Andrea de Manincor, attore, drammaturgo e regista tra i più conosciuti di Verona e non solo. Veronese DOC – anche se di origini trentine e altoatesine – Andrea calca le assi del palco teatrale da quando aveva 8 anni. 13029725_826448350794685_6700960016564815605_oSempre proteso alla ricerca e al miglioramento ha compiuto un percorso che l’ha visto sperimentare molte strade artistiche, realizzando lavori dove classicità e fantasia, rinnovamento e interdisciplinarità si sono fuse armonicamente, sotto un unico filo conduttore: la passione.

Oggi Andrea, questa passione hai deciso di portarla anche in politica… 

Sì, dopo tanti anni – quaranta – spesi nel teatro, per il teatro. Oggi ci sono. Per la mia città con la lista Eppur si muove, che riunisce cittadini provenienti da diversi settori della società e che si presentano, come dice la nostra candidata alla carica di sindaco Orietta Salemi, per dar voce a temi che non possono essere semplicemente affidati a un voto di testimonianza. Continua a leggere

Verso un accordo sulla legge elettorale

La grande notizia di oggi è questa: I tre grandi partiti italiani si siederanno per stilare insieme le regole del gioco, cioè la legge elettorale. Sembra una normalità, ma non lo è. In Italia ultimamente – da dopo il Mattarellum – ogni maggioranza cercava di cambiare la legge elettorale pro domo sua. Col curioso risultato che ogni schieramento vinceva con la legge elettorale votata dagli avversari e perdeva con la propria.

>>>ANSA/L.ELETTORALE: RENZI APRE A PATTO CON BERLUSCONI E GRILLO
Matteo Renzi, Beppe Grillo, Silvio Berlusconi, leader dei tre partiti maggiori

Oggi sembra che PD, Forza Italia e M5S stiano convergendo sul cosiddetto sistema tedesco, che ha alla base un sistema proporzionale con soglia di sbarramento al 5%. Sono allo studio correttivi che analizzeremo quando saranno definiti. Continua a leggere

Ecco come sarà l’Inter della nuova era Spalletti

Oggi si archivia la stagione 2016-2017, una delle più nefaste della storia dell’Inter. Partiti con grandi obiettivi – era la seconda stagione del programma triennale stilato con Mancini – l’abbiamo chiusa in modo indecoroso. Settima posizione, record di partite negative (8 con due pareggi e 6 sconfitte di cui quattro consecutive), quattro allenatori (come nella stagione 1998-99 – Simoni, Lucescu, Castellini, Hodgson).Spalletti-26-feb5

Si volta pagina, per fortuna. Da domani inizierà l’era SabatiniSpalletti, con un programma ambizioso per riportare l’Inter a vincere in Italia e in Europa. Ma da dove si comincerà? Continua a leggere

Paganini non ripete

Chi di noi non ha mai sentito o detto questa vulgata? Niccolò Paganini la pronunciò alla corte del Re di Sardegna nel febbraio del 1818 al Teatro Carignano di Torino, paganini4aquando Carlo Felice, dopo aver assistito ad un suo concerto fece pregare il maestro di ripetere un brano. Paganini, che amava improvvisare molto di quello che suonava e gli fece rispondere «Paganini non ripete». Il re si offese non poco, al punto di cancellargli il permesso di eseguire un terzo concerto già in programma. Continua a leggere

Il mio Tirano – Ricordi di un alpino – 6. La “raccomandazione”

Nella mia camerata, proprio nella branda di fronte a me, c’era un giovane caporale, Carlo Cima. Questi era alla 48ª – compagnia di fucilieri – controvoglia. Infatti era un esploratore e aveva fatto un periodo alla caserma del Passo del Tonale. Poi, non ricordo per qualche motivo, la sua aggregazione a

2
Sacrario militare al Passo del Tonale

lla Caserma Tonolini era terminata e lui si era ritrovato – a malincuore – a sbalzare con i compagni. Non appena seppe che ero impiegato in Maggiorità e Personale cominciò a farmi un pressing asfissiante: voleva in tutti i modi che cercassi di “raccomandarlo” e farlo ritornare al Passo del Tonale, sci ai piedi.  Continua a leggere